Progetto "Nuove Idee per la Didattica Laboratoriale"

Logo Progetto NIDL
LS-OSA Lab
Programma seminario

Piattaforma DIDALAB (http://www.didalab.tok10.biz/)

Lunedì 3 aprile 2017 dalle ore 14:00 alle ore 18:00 presso l’Istituto “G.Curcio” di Ispica (RG) si terrà la presentazione della piattaforma del Progetto LS-OSA: “Nuove idee per la didattica laboratoriale”. Sono invitati tutti i Licei Scientifici e i Licei Scientifici con Opzione Scienze Applicate che parteciperanno con un docente di Fisica ed uno di Scienze Naturali. (Si veda allegati)
E' prevista, in videoconferenza, la partecipazione della Dott.ssa Anna Brancaccio della Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica, referente dei progetti LS-OSA e e PP&S, e del Prof.re Settimio Mobilio dell'Università Roma Tre responsabile scientifico del progetto LS-OSA.

OBIETTIVI DEL PROGETTO
La proposta progettuale, sviluppata nell’ambito del Progetto LS-OSA promosso dalla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e per la valutazione del sistema nazionale dell’istruzione, è rivolta alla crescita professionale dei docenti di materie scientifiche degli indirizzi liceali di tre Istituti della Sicilia, che hanno costituito un apposito accordo di rete, e si pone i seguenti obiettivi:

- sperimentare e utilizzare metodologie didattiche “multicanale” per l’attuazione delle esperienze laboratoriali da parte dei docenti destinatari

- elaborare e realizzare esperienze del cosiddetto “laboratorio povero” cioè attraverso l’utilizzo di “materiale povero” e facilmente riproducibili, nel campo della Fisica, della Chimica, della Biologia e delle Scienze della Terra, con produzione di relativo kit didattico "mobile";

-condividere tali esperienze su un “portale” strutturato per la rete di scuole partecipanti al progetto e attraverso la piattaforma LS-OSAlab;

-individuare strategie e mezzi di comunicazione digitali per un’adeguata diffusione delle esperienze in territorio regionale, a partire dalle tre province nelle quali ricadono le Istituzioni Scolastiche in rete (Caltanissetta, Palermo, Ragusa).

LA PIATTAFORMA DIDALAB
La piattaforma digitale Didalab appositamente creata per implementare le esperienze e per fornire supporto sia alla formazione d’aula sia alla condivisione e all’auto-valutazione delle esperienze tra le scuole in rete, costituisce un “banco di prova” per la loro validità, trasferibilità, replicabilità e disseminazione.

Attraverso il confronto tra i docenti si perviene in tal modo ad una ottimizzazione; del percorso esperienziale e ad una condivisione finale dell’attività da somministrare agli allievi, fruitori finali del “laboratorio”.

Le esperienze di pratica laboratoriale, una volta valutata la loro efficacia didattica e metodologica da parte dei docenti somministratori, verranno inserite nella piattaforma nazionale LS-OSAlab.

La piattaforma Didalab sarà successivamente aperta, previa divulgazione dell’iniziativa e pubblicizzazione, a collegamenti con altre Istituzioni e/o a Reti Scolastiche già esistenti, dapprima nelle stesse province delle Scuole in rete e successivamente allargata alle rimanenti aree territoriali regionali.

IL LABORATORIO POVERO
La visione del laboratorio povero, che esulando dallo spazio fisico è soprattutto un luogo mentale, costituisce ovviamente una scelta metodologica da sperimentare in modo sistemico e divenire buona prassi di insegnamento secondo una modalità learning by doing applicata agli stessi docenti.

Elemento di innovazione pertanto sarà anche la possibilità di realizzare i kit insieme ai colleghi fruitori del percorso formativo.

La metodologia applicata può considerarsi di tipo smart visto che si basa su contenuti tecnici e su competenze trasversali di tipo comunicativo. Il docente deve essere al contempo un trasmettitore di conoscenze consolidate ed un “insegnante-ricercatore”, che progetta, sperimenta e attua, con creatività, il percorso scientifico in funzione del processo educativo e formativo dei suoi allievi anche con percorsi in cooperative learning.

Le attività sperimentali previste sono strutturate con diverse modalità di formazione, in aula e in piattaforma digitale, fra loro connesse ed integrate, anche attraverso la metodologia didattica peer to peer tra docenti che scambiano e mettono a confronto i risultati delle loro esperienze in una logica di arricchimento e di osservazione reciproche (tutoring in practice).

LA RETE DI SCUOLE
La costituzione in rete delle scuole è di per sé un aspetto fondante per il corretto raggiungimento delle finalità espresse nel bando. La rete, realizzata e consolidata attraverso la stipula formale di un dettagliato Accordo, si sviluppa a livello regionale e si compone di tre scuole siciliane (due delle quali costituiscono polo nazionale del progetto LS-OSA).

I tre Istituti fanno parte di tre aree molto differenti della realtà siciliana e ciascuno di essi esprime complesse esigenze territoriali. Raccordare tre Istituzioni specchio di esigenze territoriali diversificate è un compito complesso e articolato che deve superare l’ostacolo relativo al noto problema delLa difficoltà di comunicazione geografica e quindi di disseminazione dei risultati prodotti.

-I.I.S. “G.Curcio” – Ispica (RG)
-I.I.S. “A. Volta” - Palermo
-I.I.S. “A. Volta” – Caltanissetta

Ciascuna scuola avrà il compito di svolgere ed apportare le proprie esperienze secondo format standardizzati, di formare i propri docenti e condividere i risultati pratici e di formazione con le altre scuole della rete. Il momento di confronto iniziale in piattaforma tra le scuole della rete è fondamentale per l’individuazione dei punti di forza e di criticità delle esperienze fatte e delle metodologie adottate (monitoraggio e autovalutazione).

KIT DI ESPERIENZE E DOCUMENTAZIONE
Le esperienze raccolte nella piattaforma sono organizzate in kit e prontuari che contengono la descrizione delle esperienze e dei materiali utilizzati, compresi quelli di uso comune, facilmente reperibili ed economici.

La descrizione delle attività laboratoriali prevede l’applicazione dello stesso format utilizzato nella piattaforma LS-OSAlab, costituito dalle seguenti voci:
Titolo dell’esperienza - Riassunto - Scheda sintetica dell’attività - Materiali e/o attrezzature necessarie - Competenze teorico-pratiche necessarie - Obiettivi e competenze acquisibili - Svolgimento dell’esperienza - Nota bibliografica - Autore

DIFFUSIONE E RICADUTA SUL TERRITORIO
Sono previste le seguenti fasi per la diffusione del percorso progettuale, dei kit didattici prodotti e della piattaforma digitale:

-pubblicizzazione dell’iniziativa in seno alle tre comunità scolastiche che partecipano in rete al progetto, attraverso un incontro/dibattito preliminare fra i docenti erogatori delle esperienze e i colleghi delle discipline interessate
-
apertura della piattaforma digitale, che consentirà la messa in rete e lo scambio delle esperienze effettuate nelle singole scuole

-incontro generale, in presenza o in videoconferenza, di tutti i docenti delle tre scuole e delle discipline coinvolte

-disseminazione dell’iniziativa attraverso la rete informatica e il portale realizzato per informare e stimolare alla partecipazione e riproposizione delle esperienze prima nelle scuole vicine a quelle partecipanti e via via in tutti i licei regionali.

-possibilità di avviare un percorso di disseminazione capillare attraverso la mobilità di uno/due docenti formatori in tutti i licei siciliani, previa richiesta formale della Scuola capofila alle varie Istituzioni Scolastiche della Regione ad aderire all'iniziativa.

Allegati: 

  • Informazioni
  • Piano dell'Offerta Formativa
  • Liceo Scientifico - Opzione Scienze Applicate
  • Progetti
  • Dipartimenti
  • Dipartimento di Scienze e Tecnologie
  • Eventi e attività
  • Comunicazioni e avvisi